Quaranta giorni – (II) Una voce inattesa

Proposta di preghiera in famiglia
(potrebbe essere prima di iniziare il pranzo insieme)

Nel nome del Padre,
del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

Oggi una luce inattesa
ci attende.
Per un istante, sul Volto di Cristo:
ma ci basterà,
promessa e speranza

nel cammino verso Pasqua.

dal Vangelo secondo Marco (9,2-8)
Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni
e li condusse su un alto monte, in disparte, loro soli.
Fu trasfigurato davanti a loro e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime:
nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche.
E apparve loro Elia con Mosè e conversavano con Gesù.
Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù:
«Rabbì, è bello per noi essere qui;
facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia».
Non sapeva infatti che cosa dire, perché erano spaventati.
Venne una nube che li coprì con la sua ombra
e dalla nube uscì una voce:
«Questi è il Figlio mio, l’amato: ascoltatelo!».

Oggi, rimaniamo nella luce
Là dove Gesù ci custodisce.
Per il tuo amore, Signore, guariscici,
Crea in noi un cuore nuovo!

dal libro della Genesi (9,11-18)
L’angelo del Signore chiamò Abramo dal cielo e disse:
«Abramo, Abramo!».
Egli rispose: «Eccomi».
E l’angelo: «Non stendere la mano contro il ragazzo e non fargli male!
Ora so che tu temi Dio, poiché non mi hai rifiutato tuo figlio, il tuo unico figlio».
L’angelo del Signore chiamò dal cielo Abramo una seconda volta, e disse:
«Io ti colmerò di benedizioni.
Tutte le nazioni della terra saranno benedette nella tua discendenza,
perché tu hai ubbidito alla mia voce».

Signore,
hai guidato Abramo nel buio della sua fede:
guidaci nel buio di questa notte.
Liberaci dalla tentazione
di voler capire ogni cosa.
Solo, facci salire sul monte con te:
ti chiediamo il Tuo respiro
– il nostro è troppo corto –
per poter sussurrare,
con Abramo e Isacco,
il nostro «Eccomi».
Facci salire sul monte con te!
E anche noi vedremo il tuo Volto
e su di noi splenderà la tua luce
e, illuminati da Te, tutto sarà diverso:
non più dura
la strada,
non più buia

la notte,
non più lunga
l’attesa.
Signore,
facci salire sul monte con te!

Padre nostro…

Preghiamo
Dio, nostro Padre,
tu hai fatto risplendere il Volto di Cristo
ai suoi amici chiamati a salire sul monte.
Illumina i nostri occhi
perché, contemplando il mistero
della sua trasfigurazione,
veniamo ogni giorno
sempre più trasformati a sua immagine
da ora e per i secoli dei secoli. Amen.

Benedizione
Il Signore ci doni di camminare verso Pasqua,
liberi dalle nostre paure,
attenti a custodirci gli uni gli altri. Amen.


Una opinione su "Quaranta giorni – (II) Una voce inattesa"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: